Alcesti
da Euripide
Regia di Emanuele Montagna
2000 - Marzabotto, Necropoli Etrusca

Alcesti, la tragedia anomala (con un imprevedibile coup de théatre, approda ad un insolito lieto fine), attraverso un allestimento giocato al limite della parodia, su una variazione di registri che passano dal dubbio al riso, dallo sberleffo alla lacrima, dalla canzone colta scritta da Fabrizio Festa per Barbara Cola al sanguigno combattimento tra Alcesti e la Morte - travolgente lotta che si muta nei passi vermigli del tango argentino, altrettanto travolgente e altrettanto passionale nelle coreografie di Ernesto Carmona.